I migliori amici contro lo spreco in casa: ti presentiamo il freezer!

Spesa troppo abbondante, raccolti inaspettati o provviste dalla mamma? In molti casi, i nostri migliori amici contro lo spreco sono già in casa nostra, ma spesso li ignoriamo o non li conosciamo abbastanza bene.

Qui ti abbiamo già raccontato di come sfruttare al meglio gli spazi nel tuo frigorifero e ora è arrivato il momento di approfondire l’utilizzo di un altro importante alleato, il freezer o congelatore.

Come sai il freezer permette di congelare i cibi, facendo sì che raggiungano temperature sotto lo 0 (a differenza del frigorifero che li raffredda solamente e che di solito è tarato sui +4° C). Per essere efficienti, i freezer domestici dovrebbero essere impostati tra i -15° e i -18° C. Concretamente, ciò significa che le reazioni chimiche nei cibi vengono rallentate (ma non si fermano del tutto), ed è per questo che i cibi si deteriorano più lentamente.

È comunque fondamentale conoscere e capire come si comportano i vari alimenti, dato che ognuno reagisce in modo diverso. La carne fresca, ad esempio, in freezer ha una durata più lunga del pesce fresco: gli enzimi caratteristici del pesce sono abituati al freddo, per cui continuano – più lentamente - i loro processi anche sotto lo zero. Per quanto riguarda invece le verdure, se ti trovi con un raccolto abbondante di piselli o zucchine e li vuoi congelare, è bene prima sottoporli alla sbianchitura: questo perché gli enzimi sono proteine e quindi sensibili alle alte temperature. Non lasciarti spaventare dal termine: basta sbollentare il tutto velocemente e poi riporre in freezer, in modo che gli enzimi si disattivino e non portino il cibo a degradarsi.

Il freezer può essere quindi molto utile per evitare di gettare il cibo fresco in eccesso e/o il risultato di spese troppo abbondanti, ma non dimentichiamo alcune regole di base che possono aiutarci a gestirne ancora meglio l’efficienza:

  • L’aria contenuta nel freezer è particolarmente secca e può disidratare un alimento: avvolgi sempre bene in una pellicola la carne o il pesce e riponi tutto in un sacchetto freezer a chiusura ermetica, avendo cura di far uscire più aria possibile.

  • Bisognerebbe evitare il più possibile di aprire e/o tenere aperto il freezer, così che non salga la temperatura interna: riponi i surgelati in modo organizzato per trovare rapidamente tutto il necessario. Ad esempio, in base alla data di consumo indicata sulla confezione, in modo che i primi cibi da utilizzare siano subito alla portata di mano.

  • Per ottimizzare anche la “spesa energetica”, è importante regolare la temperatura del congelatore tra -15°C e -18°C. Abbassarla ulteriormente non serve a nulla, anzi: ogni grado al di sotto non aiuta in alcun modo la conservazione dei cibi, ma fa aumentare la bolletta.

Non pensare di cavartela così! Scongelare è altrettanto importante di congelare, per evitare due grandi rischi: la proliferazione batterica e il deterioramento delle caratteristiche organolettiche degli alimenti. Molti studi hanno stabilito che la temperatura di 4°C è quella ideale per scongelare anche i cibi più delicati, come le verdure, ed è anche il “clima” migliore per evitare che i batteri proliferino. Il consiglio è quindi di effettuare prima un passaggio in frigorifero, per poi mangiare o cucinare l’alimento una volta scongelato.

Infine, non dimenticare di prenderti cura del tuo congelatore, così che mantenga tutte le sue proprietà e non rischiare poi di avere una brutta sorpresa quando scongeli i tuoi alimenti. Prevedi quindi una pulizia interna almeno due volte l’anno, per togliere ghiaccio e brina.


Francesco Ciavaglioli
Content Specialist_IT_MKT

Unisciti al movimento dell'anti-spreco!

Comincia subito ad acquistare le tue Magic Box!
Qui il download:

App Store
Google Play